news in picture RSS feed" href="http://www.oamarc.com/rss/picture"> (function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','//www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-3364775-1', 'auto'); ga('send', 'pageview');

INGRESSO CIMITERO
2009 - TORRE SANTA SUSANNA - ITALIA - Ingresso cimitero comunale

Il progetto si sviluppa a partire dall’area centrale del parcheggio di via Guidone, enfatizzando l’asse visivo che collega esterno ed interno del cimitero tramite una linea continua, in pietra nera lucida, sulla pavimentazione realizzata in pietra bianca con inserti neri.

All’arrivo, il visitatore viene accompagnato da elementi scultorei fino all’ingresso. Questi sono realizzati in cemento e rivestiti in pietra nera opaca e, richiamando l’idea del monumento funerario, creano pieni e vuoti sottolineando l’atmosfera solenne e di austerità propria del luogo; inoltre attraverso la loro disposizione vengono a crearsi dei luoghi del dialogo e dei luoghi per l’introspezione.

 


L’accesso al cimitero è stato pensato per sottolineare il momento di serietà del visitatore con qualità architettonica e al contempo rendere pratici i movimenti delle vetture funerarie e di servizio. Esso si compone di due alte murature, realizzate in blocchi in pietra anticata, e forate da un elemento cruciforme vetrato che simboleggia la tradizione cristiana; la disposizione delle murature, parallele tra loro e perpendicolari all’asse visivo, crea l’ingresso pedonale: il visitatore potrà camminare seguendo l’andamento delle murature, mentre le vetture potranno sfruttare il sistema di apertura alla base delle croci e proseguire direttamente lungo l’asse. Lungo tutto il percosso di avvicinamento e di ingresso non sono stati utilizzati livelli a diverse altezze, in modo tale da rendere agevole la fruizione da parte di persone diversamente abili.


Per quanto concerne la valorizzazione dell’area centrale del cimitero, si prevede di utilizzare la stessa pavimentazione usata nel percorso d’ingresso, mentre i restanti percorsi di camminamento saranno in ghiaia. Inoltre la linea a terra che enfatizza l’asse visivo verrà continuata e accompagnata da due filari di cipressi posti ai margini della pavimentazione.

Vengono inoltre previste delle zone di sosta, organizzate similarmente a piazzali, sia all’esterno sia all’interno, dove i visitatori possono soffermarsi, pensare, aspettare, cogliere le emozioni.

L’intero progetto è focalizzato sull’asse visivo che collega l’ingresso pedonale con il fondo del cimitero.
Per accentuare questo “percorso”, sono state approntate diverse modifiche all’accesso e all’area centrale del cimitero.

Il visitatore appena arriva nella zona pedonale è attratto direttamente verso una grande croce vetrata sulla muratura che costeggia il cimitero.

Per indirizzare lo spettatore vorso l’accesso del cimitero viene sostituto il solo filare degli alberi ( cipressi ) con una struttura scultorea fatta di blocchi in cemento rivestiti di pietra nera opaca, inoltre vengono sistemati i cipressi esistenti e vengono posizionati all’interno di oasi di terra e erba.

La linea nera e la siepe che costeggia i blocchi di cemento sono gli altri due elementi che accompagnano all’accesso.

Sia la linea nera sia le vetrate della muratura oltre a richiamare l’asse visivo richiamano l’elemento fondamentale della chiesa cristiana : la croce.


Spazio formato da una sola panchina, dove il luogo formato da due blocchi e dalla siepe è piùe piccolo e quindi dedicato ad una sola persona.

Il visitatore che ha bisogno di rimanere solo, pensare, riflettere possono racchiudersi in questo posto e dedicarsi ai propri pensieri, estromettendosi per qualche minuto dalla monotonia della vita contemporanea.

Lo spazio è semplice, una panchina, con o senza un cipresso, racchiuso da due blocchi di colore nero e una siepe; nulla può distogliere lattenzione dai proprio pensieri.

Spazio formato da panchine, dove il luogo formato da due blocchi e dalla siepe è ampio e quindi dedicato a molte più persone.

Il visitatore che non ha bisogno di rimanere solo, ma cerca di intraprendere relazioni personali con altre persone e che vuole a volte distogliere l’attenzione dalle difficoltàe della vita e dalla tristezza che può dare il luogo.

Lo spazio è semplice, più panchine, con o senza un cipresso, racchiuso da due blocchi di colore nero e una siepe, ma più grande dello spazio dedicato ad una sola persona; lo spazio è fatto per la socialità. come se fosse una piccola arena per i dialoghi.


Access to the cemetery is different from the two types of users of the space:

__ pedestrian access, in which all people who visit the cemetery can enter and is formed directly by two walls, the first 4 meters high and the second 5 meters high, which give a sense of grandeur and to enter an important place, which preserves people's memories.

__ driveway and service access, where service vehicles and vehicles and people enter during functions and processions.
This access takes place directly under the cross with the opening of doors that blend in with the wall.

Both entrances lead to a common area, where people can wait to think and understand the symbolic path they have just taken, up to the interior of the cemetery, in the square where there is the guard and the small church at the entrance.

cliente
Comune di Torre Santa Susanna
awards
primo posto
team
OAM Architecture
  • pdf version