news in picture RSS feed" href="http://www.oamarc.com/rss/picture"> (function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','//www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-3364775-1', 'auto'); ga('send', 'pageview');

PIAZZA DON MUSAZZI
2010 - GARBATOLA - ITALIA - Piazza Don Musazzi

L'intervento in oggetto si pone come tassello essenziale per riunificare lo spazio del centro del paese, riqualificando l’area urbana di via San Francesco, piazza Don Musazzi, via Gorizia, via XX Settembre e via Isonzo.

L'obiettivo è quello di definire una spazialità fortemente orientata verso le esigenze del pedone, atte a favorire l'incontro, la sosta e il passeggio; con l'intervento si vuole realizzare una grande piazza centrale che lega il nuovo spazio di sosta con il sagrato della Chiesa, un sistema di spazi di relazione il più possibile protetto e continuo, che costituisca l'ambito di accesso alle attività esistenti, bar, negozi, edifici di culto, nonché al trasporto pubblico ed ai parcheggi pubblici e/o privati.

Via San Francesco deve divenire una strada caratterizzata per la sua appartenenza ad un sistema di luoghi centrale con vocazione pedonale e pertanto, pur non perdendo il suo ruolo di asse di attraversamento viario della città, saranno attuate modifiche tali da realizzare un pilomat che gestisca il flusso della via che diventerà a senso unico verso via Isonzo; gli attraversamenti risulteranno più leggeri, più lenti e più sicuri rispetto la situazione attuale.

 


Una sequenza lineare compatta dotata di caratteri figurativi capace di dare riconoscibilità ai vari punti e costuisca una ideale prosecuzione con la spina di Via XX Settembre e via Gorizia, inserendo sequenze di luoghi che per funzione e carattere formino, sia nella pratica che nell'immaginario collettivo, spazi condivisi nei quali abitare, passare o sostare come avveniva nei mercati, nelle piazze, nei larghi delle Città storiche.


Piazza Don Musazzi riacquisterà la funzione di centralità urbana e non di solo passaggio, riproponendo la centralità del sagrato e la definizione, con quinte alberate, delle spazialità originarie, verranno mantenuti quasi tutti gli alberi attuali perché di grande pregio per la loro bellezza e grandezza, inoltre si pone particolare attenzione al rapporto tra questa zona e l’ambito adiacente che costituisce il nucleo di antica formazione attraverso un rifacimento della pavimentazione dell’illuminazione e dell’arredo urbano, ormai datato

Alla direttrice longitudinale di progetto faranno riscontro trasversalmente le connessioni che daranno all'intervento la connotazione di struttura portante della possibile riqualificazione futura dell'intero quartiere.


Scopi dell'opera saranno inoltre :

  • -  stimolare un processo di riappropriazione dei luoghi con l'offerta di valorizzazione, per contrastare invece i processi di sostituzione e abbandono;

  • -  innescare un processo virtuoso di restauro e manutenzione straordinaria degli edifici privati prospicienti per avere sempre più un’attenzione sulle visuali privilegiate sugli elementi architettonici più rappresentativi dell’ambito, con particolare attenzione alle zone prospicenti la Chiesa, come ad esempio l’ambito di via Gorizia e via Isonzo.

  • -  attraverso un uso di simbolismi si cercherà di richiamare l’idea di fondo, cioè quella di mostrare Garbatola come un paese dall’alta attività di quartiere, una piazza ricca di attività porta la gente a vivere di più gli spazi della socialità, della comunicazione e dell’attesa, l’area wireless (di possibile realizzazione) servirà alla gente nei mesi estivi per uscire di casa e rimanere connessi con gli amici anche in giro.

  • -  migliorare la fruibilità sia pedonale sia veicolare, con un’adeguata divisione tra zona pedonale e per le automobili.

  • -  Creare una cortina verde che colleghi il nuovo spazio verdo vicino a via Isonzo con il resto del paese, una rete metallica in fronte agli edifici creerà delle nuove facciate più brutte e deturpate dal tempo per formare una nuova GREEN LINE all’interno di Garbatola. Il visitatore, ma anche il residente saranno indirizzati verso il verde cittadino.

 

cliente
Comune di Garbatola
awards
 
team
OAM Architecture
  • pdf version