news in picture RSS feed" href="http://www.oamarc.com/rss/picture"> (function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','//www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-3364775-1', 'auto'); ga('send', 'pageview');

MILANO SOCIAL HOUSING
2013 - EUROPAN- Social housing

Il progetto si concentra su una volontà di relazionare le aree metropolitane e la campagna lombarda rappresentata da vaste aree di campi coltivati del “Parco Sud Milano “. Il paesaggio e gli edifici storici esistenti vengono reinterpretati per la creazione di un quartiere contemporaneo in cui gli spazi sono finalizzati a ricreare la varietà e la vitalità che caratterizzavano le cascine tradizionali della campagna lombarda e le vecchie case popolari milanesi. I diversi edifici tipici delle cascine, come la casa padronale, i fienili o le stalle, erano disposti intorno a un grande spazio centrale, da cui si diramavano diversi percorsi per i campi coltivati o il villaggio più vicino. Negli antichi insediamenti romani la struttura urbanistica degli spazi urbani si sviluppava secondo due vie principali (cardo e decumano) incrociate tra loro; nel loro incrocio formarono un vuoto urbano detto “foro”, attorno al quale si disponevano gli edifici più significativi della città. Nell’ era contemporanea , è proprio questo vuoto urbano che diventa elemento centrale della vita urbana, cioè la piazza, lo spazio pubblico. Allo stesso tempo, la corte diventa nuovo salotto, piazza domestica, usato dai residenti (diversi i fruitori, diverse le età) per creare relazioni all’interno di uno spazio comune. Lo sviluppo urbano (e il suo tessuto denso) ha portato alla aggregazione delle corti in un unico grande spazio circondato da strade, il quartiere. All’interno di questo isolato (il quartiere), un dedalo di percorsi che creano una rete che unisce le diverse corti, in cui le comunità lavorano, socializzano e si aiutano a vicenda, come una vera e propria città nella città. Tuttavia questo ha portato ad una sorta di isolamento critica di ogni distretto. Il presente progetto vuole ricreare e stimolare le abitudini sociali sopra descritti, evitando il rischio di distacco dalla circostante area urbana. Come nella concezione delle cascine, il nuovo distretto urbano del presente progetto nasce da due strade che collegheranno il quartiere Mazzini (la città) e il “Parco Agricolo Sud” (la campagna). Diverse funzioni sono state progettate per soddisfare la grande varietà sociale e culturale che caratter- izza le aree metropolitane mantenendo le peculiarità multietniche e sociali del quartiere. Il progetto rappresenta un contemporaneo concetto di corte in cui siano presenti all’interno abitazioni, zone commerciali, ricreative e servizi pubblici. Il progetto vuole riproporre in chiave contemporanea il concetto di corte e cascinale: il quartiere è composto di ampie corti, maggiore è altezza degli edifici, in modo da rapportarsi con le presenze architettoniche contemporanee, la presenza di strutture pilotis sollevano l’edificio creando una permeabilità continua di tutta l’area, gli spazi pubblici del quartiere sono definiti da un spazio per- meabile (in termini di vivibile) , privi di limiti architettonici.





cliente
EUROPAN 12
awards
 
team
OAM Architecture
  • pdf version