news in picture RSS feed" href="http://www.oamarc.com/rss/picture"> (function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','//www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-3364775-1', 'auto'); ga('send', 'pageview');

SCALE DI NAPOLI
2015 - NAPOLI - ITALIA - Riqualificazione scale

“Su e giù dal cubo” è un progetto che vuole permeare l’esperienza quotidiana della città di Napoli, come elemento di definizione di una spazialità che si sovrascrive a quella determinata dalla sola configurazione dei luoghi.
Misurandoci con una questione di antropologia dello spazio, ci siamo presto resi conto di quanto essa si intrecci con un tema centrale della progettazione urbana: la vita degli spazi, al di là del voler essere il contenitore della funzione per il quale sono stati pensati.

L’esperienza della continuità spaziale e una complessità dei luoghi e delle funzioni che saranno inseriti faranno sopravvivere le scale allo scorrere del tempo, anche solo nel momento di una performance, di un mercatino o di un evento, diventeranno nuovi spazi attivi e dinamici della città.

L’idea è di convertire qualsiasi scalinata di Napoli in uno spazio pubblico socialmente coinvolgente che possa rappresentare delle nuove centralità per la città.


“Su e giù dal cubo” diverrà una nuova scultura asimmetrica, modulare e componibile, che offrirà posti a sedere individuali e adiacenti circondati da una vegetazione formata sia da alberature a basso fusto sia soprattutto da orti urbani che potranno essere curati dalla comunità di quartiere.
Nella serata un sistema nuovo d’illuminazione strategica crea un’atmosfera magica e invitante che riporterà all’antico splendore le scale di Napoli, ricreando un ambiente sicuro, confortevole e socialmente utile; sarà più di un puro design artistico, la “nuova scala” mira a cambiare il volto delle aree circostanti, fornendo nuove funzioni per la città, con la possibilità di dare nuova vita ad aree sottoutilizzate con ambienti e funzioni comuni interessanti.


Proponendo una scala pubblica e uno spazio urbano vuoto che diventerà una zona accogliente, e socialmente attiva, il progetto “Su e giù dal cubo” illustra il potenziale delle scale pubbliche di tutta Napoli e di tutto il Mondo per essere convertito in spazi incentrati su cittadini “attivi” che soddisfano sia le esigenze pragmatiche e sociali delle comunità locali.

L’idea progettuale prevede la formazione di uno spazio pubblico per tutti dalla nuova “identità”: un’area verde, sostenibile all’interno della quale ci si può incontrare, sdraiare, giocare, studiare, lavorare, ballare, rilassarsi, contemplare la bellezza visiva e sensoriale del paesaggio napoletano, informarsi, educare i bambini, comprare, vendere e coltivare.


Attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie, inserendo delle postazioni wi-fi gratuito e reti di sensori wireless si vorrà creare una rete di nodi sensori intelligenti in grado di misurare molti parametri per una gestione più efficiente della città. I dati sono resi accessibili, in modalità wireless e in tempo reale, ai cittadini, per avere informazioni riguardanti le scale, le funzioni inserite, i paesaggi, i luoghi in tempo reale. La città diverrà una “città intelligente” (smart city) in cui il cittadino non vive nella città, ma vive la città.


Tramite la costruzione semplice leggera e componibile si arriverà ad avere le più svariate
funzioni, basta aggiungere all’elemento base dei plug-in.

Gli elementi possono essere infiniti, in quanto vi è la possibilità di comporli a seconda
delle varie esigenze della comunità. In questo percorso creativo si coinvolgeranno i singoli
city-user dando modo di migliorare in prima persona il funzionamento e la qualità dello
spazio urbano delle scalinate.

Lungo l’infrastruttura si avrà una vera e propria metamorfosi: sarà ri-naturalizzata tramite una piantagione di alberi a basso fusto e orti urbani, trasformandola in un parco verde produttivo.
I benefici apportati saranno oltre al comfort visivo e olfattivo anche il raffrescamento estivo e la
Diminuzione di CO2 nell’aria.

L’elemento base, il cubo, di misura 40cmx40cm, sarà formato da elementi tubolari di forma rettangolare e da agganci tra le varie componenti.
Naturalmente per le diverse esigenze di altezze delle varie scale si potranno produrre componenti come piedini regolabili per arrivare alla dimensione giusta.

Tramite questo elemento si potranno creare i vari spazi ludici, ricreativi, didattici-culturali, di sosta, info-point, area per gli orti urbani, area wi-fi e connettività wireless.

Gli spazi saranno in continua evoluzione a seconda delle necessità dei suoi visitatori, di una società sempre più
complessa, in cui i bisogni di formazione, informazione ed elaborazione condivisa aumentano. Le esigenze di organizzare periodi di condivisione, scambio, discussione, autogestione hanno fatto crescere la richiesta di nuovi spazi che comportano una nuova forma di turismo.

cliente
Comune di Napoli
awards
finalisti
 
team
OAM Architecture
  • pdf version